Home Attualita' Sicilia, si andrà al mare a fine giugno: sospesi i canoni per...

Sicilia, si andrà al mare a fine giugno: sospesi i canoni per i lidi

2258

L’estate si avvicina e la domanda sopratutto nel popolo siciliano si fa frequente “si potrà andare al mare?”. Quando la Sicilia è in lockdown da quasi due mesi, gli animi cominciano a scaldarsi insieme alle temperature, e la prospettiva di passare anche la bella stagione tra le quattro mura domestiche scoraggia non poco. Tuttavia in ballo non c’è unicamente la tintarella dei siciliani, ma le sorti del turismo blaneare regionale che attende risposte importanti circa le proprie attività.

“Si, si andrà al mare” fa sapere la Regione che però non ci si sbilancia sui tempi. La prospettiva delle associazioni di categoria è che si possa cominciare tra metà giugno e metà luglio, mentre chiedono di avere l’autorizzazione per fare quei lavori di manutenzione necessari all’eventuale ripresa dell’attività nel più breve tempo possibile.

«Anche la nostra speranza è che si possa ripartire al più presto – spiega l’assessore regionale al Territorio, Toto Cordaro – e infatti stiamo valutando assieme al comitato scientifico di concedere l’avvio delle opere di manutenzione all’interno degli stabilimenti balneari. A questa decisione, come a tutte le altre che riguarderanno i settori imprenditoriali, sta lavorando il presidente Musumeci e sarà oggetto di una prossima ordinanza che servirà per ridare slancio alla nostra economia».

Intanto il canone demaniale che i proprietari dei lidi devono pagare «è stato sospeso – sottolinea l’assessore – ma adesso l’impegno è che il Governo nazionale possa esonerare del tutto i gestori dal pagamento».