Home Attualita' C. d’Orlando: erosione costa, Croce sospende la gara sui “primi interventi”

C. d’Orlando: erosione costa, Croce sospende la gara sui “primi interventi”

326

L’ufficio contro il dissesto idrogeologico siciliano, guidato da Maurizio Croce, ha disposto la sospensione in autotutela delle procedure di gara relative all’intervento urgente a difesa e salvaguardia della costa di Capo d’Orlando. Il bando era stato pubblicato lo scorso mese di maggio e riguardava due zone del litorale orlandino, la zona 1 dal Torrente Zappulla fino ai pennelli stabilizzatori eseguiti dalla Provincia nel 2005 e la zona 2 che interessa San Gregorio, dal promontorio del Monte e fino alla zona di accumulo di fronte al molo di soprattutto del porto. Il progetto prevedeva la ricostruzione della spiaggia con materiale prelevato dagli accumuli nelle aree sovralluvionate del Torrente Zappulla e nella zona del sopraflutto del porto, nonché la stabilizzazione del litorale nella zona 1 con pennelli trasversali stabilizzatori, e nella zona 2 con la realizzazione di pennelli e una scogliera radente, a difesa di un tratto fortemente soggetto ad erosione. Tuttavia, nelle scorse settimane, il progetto era stato contestato apertamente dal Circolo Legambiente Nebrodi e dalla sezione associativa nazionale che aveva presentato un dossier al Ministero dell’Ambiente e alla Regione chiedendo di verificare la congruità di questi “primi interventi” di difesa costiera, nelle more dell’atteso avvio dei lavori concordati con il Contratto di Costa.

Da qui la decisione di Maurizio Croce di sospendere la gara: “Il progetto prodotto dall’amministrazione – si legge nella nota – a seguito delle considerazioni riportate da Legambiente, potrebbe apparire difforme rispetto alle indicazioni ce costituiscono la base progettuale degli interventi che saranno ricompresi nel contratto di costa”. Croce ha quindi disposto la sospensione delle procedure di gara per valutare, in autotutela, l’eventuale annullamento del bando al fine di richiedere al Rup di avviare una ricognizione delle scelte progettuali affinché non contrastino con quelle disciplinate nel contratto di costa.