Home Attualita' Torrente Brolo: il Sindaco Laccoto nominato soggetto attuatore per gli interventi

Torrente Brolo: il Sindaco Laccoto nominato soggetto attuatore per gli interventi

178

Si avvia a soluzione uno dei problemi storici di Brolo: verrà realizzato un tratto di viabilità che servirà ad eliminare le passerelle di collegamento che costeggiano la sponda sinistra del Torrente Brolo e raggiungono la Statale 113. La situazione attuale, infatti, rappresenta un costante rischio per residenti e attività produttive della zona costretti a transitare in una situazione di precarietà e di pericolo soprattutto durante le giornate di maltempo. Il Dipartimento Regionale di Protezione Civile ha nominato il Sindaco di Brolo Giuseppe Laccoto soggetto attuatore per l’espletamento delle attività connesse ad alcuni interventi. Questo finalizzato alla realizzazione di un tratto di viabilità sulla sponda del Torrente Brolo, per un importo di 350mila euro, è un lavoro atteso da anni che adesso può essere attuato. Verrà così eliminata una situazione di potenziale pericolo, visto che le passerelle sul torrente Brolo bloccano i detriti e la vegetazione trasportati dal torrente in piena con conseguente rischio di esondazione.
Altro intervento fondamentale di prevenzione di salvaguardia per gli insediamenti produttivi di contrada Sirò è il ripristino di un tratto di muro, per circa 270 metri, sulla sponda destra del torrente Brolo. Questi lavori sono stati finanziati con 60mila euro.
Il sindaco è anche soggetto attuatore dei lavori di ripristino, per un importo di 30mila euro, in un’area di contrada Lacco soggetta a movimento franoso.
La Protezione Civile ha poi finanziato con 30mila euro gli interventi già realizzati di messa in sicurezza delle passerelle sul Torrente Brolo e del sottopasso dell’autostrada A20, oltre alla rimozione di fanghi e detriti in contrada Sant’Anna.
“Metteremo subito in moto l’iter per aggiudicare i lavori – commenta il Sindaco Laccoto – sono interventi attesi da tempo e fondamentali per la tutela della sicurezza pubblica e a protezione di numerose attività imprenditoriali”.