Home Attualita' Lettera aperta a Musumeci: “Non l’esercito, ma assistenza sanitaria per Galati Mamertino”

Lettera aperta a Musumeci: “Non l’esercito, ma assistenza sanitaria per Galati Mamertino”

1227

Non solo camionette dell’esercito per presidiare gli ingressi e le uscite da Galati Mammertina, ma anche la necessaria assistenza sanitaria per i cittadini, soprattutto per la popolazione anziana. E’ la richiesta che giunge all’indomani della dichiarazione di zona rossa per il centro dei Nebrodi alle prese con un focolaio di circa 100 persone. Calogero Barone ha scritto una lettera aperta al presidente della Regione:
“Egregio Sig. Presidente Nello Musumeci, chi scrive è un cittadino di Galati Mamertino, paese dei Nebrodi che da ieri è diventato zona rossa. Se questo provvedimento sia stato giusto o meno, non spetta a me giudicarlo, quel che posso dire per certo, è che i miei concittadini rispetteranno le regole per contenere il contagio, che, ad oggi, si attesta a circa un centinaio di persone. Quel che mi preme assolutamente esternare, è che dichiarare zona rossa un comune, significa (e Lei dovrebbe insegnarmelo), ancor prima dei militari, far arrivare il sostegno SANITARIO alle popolazioni colpite. Prima delle camionette dell’esercito, sarebbe stato più corretto far arrivare qualche ambulanza medicata, con supporti medicali per i più deboli, per i malati, per i disabili e per gli anziani. Siamo in balìa della tempesta, abbiamo bisogno di “salvagenti”, non abbiamo bisogno di militari che ci controllino e sorveglino h24. La comunità di Galati è una comunità per bene, fatta di gente laboriosa e onesta. È stata colpita al cuore, ma si rialzerà. Ha paura, ma altrettanto coraggio per rinascere. L’unica richiesta è quella che i più deboli, i più colpiti, siano tutelati e accuditi. Le scrivo questo messaggio dal mio isolamento, perché anch’io, ahimè sono risultato positivo, ma per fortuna sto bene. Non lo scrivo per me, ma solo per chi tende una mano in cerca di aiuto. Sa, il mio paese ha la forma di un’aquila. L’hanno creata, nel tempo, con tanta fatica, le mani laboriose dei nostri anziani. Per continuare a volare, quest’aquila ha ancora bisogno di loro. Sicuro di un Suo tempestivo accoglimento, colgo l’occasione per porgere distinti saluti. Calogero Barone”.
Un primo risultato si è comunque raggiunto in quanto, a seguito della richiesta avanzata dal Comune di Galati Mamertino, da domani 15 ottobre il servizio di Guardia Medica a Galati Mamertino sarà attivo H24 fino alla cessazione dell’emergenza.