I carabinieri di Santa Lucia del Mela hanno arrestato per evasione dagli arresti domiciliari Antonio Franco Bella, 47 enne. L’uomo, in stato di alterazione psico – fisica per via dell’assunzione di sostanze alcoliche, dopo aver danneggiato la porta d’ingresso dell’abitazione dei familiari, che vivono in un’abitazione confinante alla sua, si allontanava ma veniva rintracciato e bloccato dai militari dell’Arma con addosso un coltello da cucina di grosse dimensioni. La Procura della Repubblica di Barcellona Pozzo di Gotto, al termine delle formalità di rito, ha disposto l’accompagnamento dell’arrestato presso la locale casa circondariale.

repertorio

A seguito dell’operazione di questa mattina che ha stretto il cerchio attorno a due dei tre autori del furto ai danni del Supermercato Conad di Case Nuove Russo a Patti, arrestandoli, giunge la notizia dell’avvenuto fermo del terzo complice. L’uomo, identificato come Giuseppe Pulvirenti, catanese di 49 anni, già noto ale forze dell’ordine, è stato intercettato e braccato dalla Polizia.
Pulvirenti è, ritenuto responsabile, unitamente a Salvatore Militello, di essersi introdotto all’interno dell’esercizio commerciale per commettere il furto.

E’ stato pubblicato il decreto con il quale l’Assessorato alle Infrastrutture, della Mobilità e dei Trasporti assegna al Comune di Santo Stefano di Camastra 650 mila euro per la realizzazione dei lavori di restauro conservativo della Chiesa Madre e dei locali annessi, rientrante nell’intervento strategico “Interventi sui Beni Culturali Storico – Artistici di Culto”.
“Finalmente potremo restituire alla comunità stefanese, la fruizione in piena sicurezza di un luogo simbolo della nostra cittadina – afferma soddisfatto il primo cittadino, Francesco Re – Un luogo storico di aggregazione sociale e religiosa, posto nel salotto buono di Santo Stefano, una struttura che appartiene alla storia recente della città e degli stefanesi.”

E’ stata diffusa, nella tarda mattinata di oggi, una nota da parte dei rappresentanti dei lavoratori a tempo indeterminato del comune di Capo d’Orlando, con la quale si stigmatizza il comportamento dell’amministrazione paladina circa il procrastinarsi del ritardo nel pagamento degli stipendi dei mesi di marzo e aprile 2018 ai dipendenti. I lavoratori chiedono di sapere come mai vige il silenzio, “il disinteresse ad informarli sulla reale questione” e, al contempo, desiderano conoscere le intenzioni dell’amministrazione nel dirimere l’impasse a causa della quale, inoltre “non riescono a far fede a fine mese agli impegni economici presi con terzi, pur rimanendo fedeli ai loro doveri lavorativi”.

Anaele Borgia (foto facebook)

Anaele Borgia, architetto libero professionista, ha confermato la sua scelta di candidarsi alla carica di sindaco di Sant’Agata Militello, alle imminenti elezioni amministrative del prossimo 10 giugno. Borgia, che ha già alle spalle una candidatura, nel 2004, proprio contro Bruno Mancuso, ci riprova quindi in questa tornata col supporto di un gruppo civico sorto attorno alla sua figura. “In questi giorni di profonda riflessione politica, ho avuto l’immenso piacere di incontrare tanti concittadini che mi hanno dato forza e motivazione per intraprendere il percorso verso le elezioni. Sono sempre più numerosi gli esponenti del mondo delle professioni, dell’associazionismo, delle imprese e della società civile che, con chiara libertà di pensiero, chiedono a gran voce che la mia candidatura rappresenti un’alternativa concreta ad esperienze già viste e vissute che hanno prodotto risultati deludenti“, scrive il candidato in una nota stampa.
Negli ultimi anni”, prosegue Borgia, “abbiamo assistito ad uno “scontro” politico tra due fazioni contrapposte che ha creato divisioni e distanze tra maggioranza ed opposizione che risultano difficilmente colmabili attraverso un eventuale scambio di ruoli tra le due parti in seno al Consiglio Comunale. Attraverso il mio impegno si vuole offrire la possibilità agli elettori di mettere fine a questo dualismo per tendere ad un clima di riappacificazione sociale, mettendo al centro gli interessi del cittadino. Per queste ragioni, con il supporto di un gruppo compatto che garantisce serietà, competenza ed onestà intellettuale, ci apprestiamo a definire un programma chiaro e realizzabile, sulla base dello stato di fatto e delle idee che stanno animando un confronto continuo ed efficace. Dalla concretezza, dalla competenza e dal desiderio di sfruttare al massimo le risorse e le opportunità di Sant’Agata, questo gruppo – continua Borgia- sta studiando ed approfondendo ogni argomento d’interesse per lo sviluppo di Sant’Agata, per redigere un documento in cui il cittadino con i suoi bisogni e le sue esigenze sia posto indiscutibilmente al centro di un percorso che dovrà condurci verso una nuova vision, positiva, del nostro futuro. Abbiamo un tesoro da mettere a frutto, dobbiamo puntare sulla vocazione più alta del territorio, il turismo, e tendere a quello. E intorno a quello immaginare infrastrutture e servizi, formazione e lavoro, con forte innovazione di metodo e di processo, che garantiscano il raggiungimento degli obiettivi“.
Nei prossimi giorni sarà promosso un incontro con i cittadini e con la stampa per illustrare nel dettaglio programma e attività.

Sono stati arrestati dalla polizia di Patti, con l’accusa di furto pluriaggravato commesso in concorso, Salvatore Campisi, 30 anni, e Salvatore Militello di 64. I due uomini originari di Catania, facenti parte di un gruppo criminale già noto alle forze dell’ordine per reati analoghi, sono infatti ritenuti responsabili di un “colpo” messo a segno l’11 marzo scorso nel territorio di Patti ai danni di un noto supermercato al quale veniva sottratta la somma di ben 33.000,00 euro oltre ad altra merce. Il provvedimento cautelare giunge al termine di una minuziosa indagine condotta dai poliziotti del Commissariato pattese, diretti dal Vice Questore Aggiunto Giuseppina Interdonato, su impulso della locale Procura della Repubblica. L’attività investigativa ha consentito di svelare un piano studiato nei minimi particolari; quando i due sono entrati in azione, infatti, il supermercato era chiuso; sono entrati danneggiando la porta d’ingresso, successivamente hanno manomesso e disattivato i sistemi di videosorveglianza, aperto le due casseforti con l’uso di fiamma ossidrica, impossessandosi così, sia del denaro all’interno che anche di quello nelle casse. Grazie alle immagini estrapolate dalle telecamere di sorveglianza vicine al luogo di consumazione del delitto, si è riusciti ad individuare due autovetture, dalle cui targhe si risaliva rispettivamente ai proprietari nonché utilizzatori: Campisi e Militello per l’appunto. Riconosciuti dalla polizia anche i tratti somatici dei due autori che, comparati con i rilievi fotosegnaletici in loro possesso e con le fotografie rinvenute sui profili Facebook, ne confermavano il pieno coinvolgimento nei fatti di cui sopra se pur con ruoli diversi. Campisi faceva da palo ai complici impegnati materialmente nella commissione del delitto aspettandoli a bordo del proprio mezzo di modo da facilitarne la fuga. Decisive, inoltre, le attività di intercettazione telefonica ed ambientale; l’analisi dei tabulati e l’osservazione dei malviventi nel loro territorio. In particolare emergevano contatti telefonici, il giorno prima del fatto, tra i sodali i cui cellulari, contemporaneamente, risultavano spenti nelle fasi cruciali della commissione del furto, per poi successivamente agganciare celle telefoniche lontane dal luogo teatro del delitto. Individuato anche un terzo soggetto che allo stato risulta irreperibile.

Da questa settimana, personale dell’Ufficio Protezione Aziendale di R.F.I. presidio di Palermo, effettuerà dei servizi di controllo mirati diurni e notturni nei locali della stazione di Capo d’Orlando e nelle sue pertinenze per allontanare eventuali estranei che non hanno titolo a dimorare in quelle aree.
La decisione è stata presa dalla direzione del presidio territoriale di Palermo di RFI che ha così raccolto le numerose sollecitazioni presentate dal Sindaco Franco Ingrillì e dall’’Assessore Susanna Di Bella sull’utilizzo della sala d’attesa “durante le ore notturne come dormitorio e bivacco molesto da parte di individui senza fissa dimora”.
Negli incontri avuti con i responsabili di Rfi a Palermo, il sindaco Ingrillì aveva sottolineato che questa situazione “Prefigura non solo un danno di immagine in vista dell’imminente stagione turistica, ma soprattutto un attentato alla sicurezza dei cittadini che frequentano come pendolari gli stessi locali”.
La presenza di persone senza fissa dimora era stata segnalata da personale ferroviario in servizio o in transito presso la stazione di Capo d’Orlando.
L’Assessore Di Bella ringrazia Rfi per “il riscontro dato alle segnalazioni suffragate da azioni delle forze dell’ordine e da articoli di stampa. La sicurezza dei passeggeri e il decoro dei luoghi sono requisiti essenziali per una località turistica come Capo d’Orlando”.

Una tragedia si è consumata nelle giornata di ieri a Pettineo. Un uomo è stato ritrovato schiacciato dal trattore che si sarebbe ribaltato scendendo da un costone scosceso in contrada Sicurella. Secondo le prime ricostruzioni l’uomo, Giuseppe Belbruno, ambulante di frutta e verdura, nel pomeriggio di martedì 24 si sarebbe recato nella campagna di sua proprietà per dedicarsi alla cura della terra. Ancora da accertare le cause che hanno portato l’uomo alla perdita di controllo del mezzo, comportando la rovinosa caduta nella scarpata sottostante. A denunciare a scomparsa i parenti dell’uomo che non avevano sue notizie da circa 24ore.
Sul posto i Carabinieri della locale stazione ed i vigili del fuoco di Santo Stefano di Camastra hanno lavorato fino a trada notte per estrarre quel che rimaneva del corpo.

Un convegno per presentare le “Linee Guida per il Piano Territoriale Strategico del Biodistretto dei Nebrodi” è in programma Sabato 5 maggio nei locali della foresteria della Fondazione Famiglia Piccolo di Calanovella a Capo d’Orlando. L’incontro informativo è organizzato e promosso da “La Città del Bio”, il Gal Nebrodi Plus e il Comune di Mirto. L’inizio dei lavori ai quali presenzieranno il Presidente del Gal Nebrodi Plus Francesco Calanna, il Sindaco di Mirto Maurizio Zingales, il Presindete Nazionale “Città del Bio” Antonio Ferrentino, il Commissario Straordinario del Parco dei Nebrodi Gianluca Ferlito, e l’urbanista nonchè coordinatore CTS del Bio Distretto Marçel Pidalà, è fissato per le ore 9.
Ai professionisti che interverranno verranno riconosciuti crediti formativi professionali.

repertorio

Gli uomini del Commissariato P.S. di Patti, con la collaborazione delle Squadre Mobili delle Questure di Messina e Catania, hanno eseguito, nelle prime ore di questa mattina, un’ordinanza applicativa di misure cautelari in carcere emessa dal GIP presso il Tribunale di Patti, su richiesta di quella Procura della Repubblica, a carico di due uomini originari di Catania.
Il colpo, messo a segno l’11 marzo scorso, ai danni del supermercato Conad di contrada Case Nuove Russo a Patti, aveva fruttato circa 33mila euro.
Ulteriori dettagli saranno resi nel corso di una conferenza stampa che si terrà alle ore 11.00 odierne, presso il Commissariato di Pubblica Sicurezza di Patti.

griffe - shop
Radio Italia Anni 60
bar delle poste
elits calzature
mark - spring summer
WMF18
Conad