Home Blog Pagina 1722

Saracena Volley pronta per la serie C

PIRAINO – La Saracena Volley, matricola del prossimo campionato di serie C femminile, verrà svelata a tifosi e stampa martedì 1 settembre alle ore 19,30 presso la sala conferenze dell’Hotel Capo Skino a Gioiosa Marea. Interverranno Antonio Lo Tronto, presidente del Comitato provinciale Fipav Messina, Irene Ricciardello, sindaco di Brolo, Gina Maniaci, sindaco di Piraino, Eduardo Spinella, sindaco di Gioiosa Marea, Leone Zingales, dirigente scolastico dell’IC di Gioiosa Marea. Saranno presenti tutte le giocatrici tra cui il nuovo acquisto Martina Brigandì, il presidente della Saracena “All Work” Luca Leone e la dirigenza.

Lunedì comincia la nuova avventura della Cestistica Torrenovese

TORRENOVA – La cittadina tirrenica si specchia sempre più nella sua realtà cestistica che almeno per il momento ha preso il posto nel cuore dei tifosi della squadra di calcio, relegata in Seconda categoria. Merito del nuovo PalaTorre dove lunedi 31 si ritroverà la Cestistica Torrenovese Aquila Nebrodi per prepararare la sua terza stagione. Il team gialloblù si presenterà ai nastri di partenza del campionato di serie D leggermente rinnovato come organico. Ai riconfermati Machì, Arto, Papa, Valente, Urso, Scarlata, Florio, Sindoni, Crisà e Spina si sono, infatti, aggiunti gli innesti degli orlandini Renato Mondello, ala-pivot, e Gabriele Micale, playmaker, mentre gli under aggregati alla prima squadra saranno Serafino, Marino, Carroccio e Carrabba. Si registrano importanti nuovi arrivi anche tra i dirigenti che irrobustiscono la compagine societaria con l’inserimento di Stefano Spirito e Ivan Raffaele. Di certo sarà un campionato non facile, ma lo staff torrenovese è convinto di aver allestito una formazione equilibrata che punterà decisa a fare un’annata di vertice. Per venire incontro alle esigenze dei tifosi è stato modificato il giorno delle partite casalinghe che si svolgeranno di domenica con la forte convinzione di poter ottenere una maggiore partecipazione di pubblico a sostegno delle aquile nel campo del PalaTorre. “Sono fortemente convinto che Mondello e Micale daranno un grande aiuto ai loro compagni – afferma il riconfermato coach Domenico Bacilleri -, andranno a colmare le lacune che si sono evidenziate nella scorsa stagione, abbiamo atleti diversi con caratteristiche diverse da cui ci aspettiamo tanto”.

Kickboxing, la White Tiger ai campionati europei in Spagna

Anche la palestra orlandina White Tiger protagonista del primo grande evento, dopo la pausa estiva, targato Wako (World Association of Kickboxing Organizations). Infatti si concluderanno oggi a San Sebastian, Spagna, i Campionati Europei Wako Cadetti e Juniores per tutte le discipline di kick boxing. La F.I.KBMS (Federazione Italiana Kickboxing, Muay Thai, Savate e Shoot Boxe) ha presentato una delegazione azzurra di 126 atleti, 10 coach, 2 arbitri, 3 dirigenti e 88 accompagnatori in una competizione con circa 40 paesi europei per un totale di oltre 1.500 atleti partecipanti. La nazionale italiana ha tutte le carte in regole per portare a casa un buon numero di medaglie e ripetere, se non migliorare, il successo dell’edizione 2013 in Polonia, dove gli azzurrini hanno conquistato un ottimo secondo posto nel medagliere internazionale con 26 ori, 12 argenti e 37 bronzi, secondi solo all’agguerritissima Russia. Il Velodromo de Anoeta di Gipuzkoa, a San Sebastian, con 8 aree di gara tatami e 3 ring, ha tenuto a battesimo piccoli campioni, di età compresa tra i 10 e i 18 anni nelle discipline di Point Fighting, Light Contact,, Kick Light, Full Contact, Low Kick, K1 e Musical Forms. Tra gli allievi del maestro Patrizio Calà ci sono Ruben Borrello, Chiara Ferrarotto, Alessandro Mancari e Martina Gammeri.

Colpo a sorpresa dell’acquedolcese, arriva Falanca

ACQUEDOLCI – L’esperto difensore orlandino Sebastiano Falanca è l’ultimo colpo a sorpresa della matricola Acquedolcese che ha rinforzato il reparto confermando di avere ambizioni di vertice. Dopo aver vestito per 15 anni le maglie di C2 e serie D e aver vinto 8 campionati, la società si è assicurata uno dei giocatori più forti che abbiano mai indossato i colori biancoverdi. L’ingaggio è stato possibile grazie all’intervento di un gruppo di sostenitori, che ha deciso di regalare la classica ciliegina sulla torta alla Polisportiva Acquedolcese, Giuseppe Ridolfo, Carmelo Batia, Salvatore Giambò, Sandro Aliberti e Cirino Rotelli. Classe 1981, originario di Capo d’Orlando, dove inizia la sua carriera in Eccellenza, vincendo subito campionato e Coppa Italia, quindi il salto in C2 con il Gela, il Ragusa e Andria, prima del Siracusa e del Matera in Serie D. In quinta serie gioca anche con Arzachena, Sandonà, Francavilla e Bitonto, fino al ritorno, nel 2011, all’Orlandina in Eccellenza. Infine, ha indossato le maglia del Real Metaponto e, nelle ultime stagioni, della Tiger Brolo. “Ho accettato con entusiasmo la proposta dell’Acquedolcese – dichiara il centrale di Capo d’Orlando – e, dopo essermi accertato della serietà del progetto, ho deciso di accettare l’invito del mio amico Sergio Mezzanotte, del presidente onorario Calogero Pittala e del professore Ridolfo. Da martedì sarò a completa disposizione del mister e della società e, con professionalità, darò tutto me stesso alla causa della Polisportiva, certo di far parte di un gruppo che era già forte prima del mio arrivo”. Per Falanca, che sarà allenato da Antonio Marguglio, ci potrebbe essere la possibilità di andare almeno in panchina nella gara di ritorno del derby di primo turno di Coppa Italia contro il Mistretta in programma domenica prossima.

Calcio, domenica di derby e test precampionato

Le squadre dilettantistiche siciliane e messinesi in particolare scaldano i motori in vista del via ufficiale della nuova stagione, previsto già domani con l’andata del primo turno della Coppa Italia. Mentre l’Acr Messina spera sempre di tornare in extremis in Legapro ed il Due Torri prosegue ad allenarsi in vista della terza avventura in serie D annunciando l’attaccante Giovanni Petrullo, seconda punta classe 1996, originaria di Randazzo, scuola Palermo ma nelle ultime due stagioni in forza al Siracusa e della rappresentativa siciliana che ha partecipato al Torneo delle Regioni in Lombardia, l’onere e l’onore tocca ai club di Eccellenza nel 7° memorial Gianfranco Provenzano. Tre i derby da vivere domenica con alle 16 quello in tono minore tra l’ambiziosa matricola Rocca Caprileone, che ha appena annunciato gli ingaggi dei baby Schepisi e Liuzzo, ed un’Orlandina che affida nuovamente i suoi pali all’esperto Simone Taranto ma ha davanti un gruppo sempre giovane ed inesperto che mister Mazzullo cerca di portare ad una complicata salvezza passando per il primo turno di una competizione che serve solo da rodaggio e per evitare figuracce ai biancoazzurri. Al Nicola Bonanno dell’Annunziata la Forza Calcio Messina ospita lo Sporting Taormina in una sfida anche meno allettante anche se all’antivigilia si registra il mancato accordo tra la società del patron Micali e il mister Guido De Maria. L’ex allenatore del Rometta, fino ad oggi tecnico “in pectore” del team peloritano, in ritiro ormai da quasi un mese al centro sportivo di Contrada Aranciarella, a Curcuraci, era stato scelto dalla proprietà per guidare la “truppa” siciliana nel prossimo torneo di Eccellenza. Affare saltato a sorpresa, a soli tre giorni dal debutto in Coppa Italia e panchina affidata momentaneamente al vice allenatore e preparatore dei portieri Antonio Gambadoro, in attesa di un nuovo tecnico pronto a guidare il club messinese. Alle 20.45 si gioca l’atteso Sport Soccer Milazzo-Igea Virtus Barcellona. In Promozione via al memorial Day Orazio Siino con sfide incerte ed avvincenti tra le provinciali a partire dalla ripescata ma ambiziosa Acquedolcese che ospita il Città di Mistretta, poi Camaro 1969-Messana, Pistunina-Città di Messina, Torregrotta-Città San Filippo del Mela, Santangiolese-Città S.Agata e L’Iniziativa San Piero Patti-Sinagra con i locali che hanno appena ingaggiato il terzino Pietro Granata ed il gioiosano classe 1998 Giuseppe Cultrona, talento reduce dal trionfo nel campionato juniores regionale nelle file della scomparsa Tiger Brolo.

L’orlandina calcio riconferma il portiere Taranto

CAPO D’ORLANDO – Gradita riconferma in casa dell’Orlandina calcio, squadra che si appresta a rivivere dopo due stagioni di serie D il campionato di Eccellenza. Infatti il portiere Simone Taranto, classe 1993, ex Milazzo e Acr Messina, difenderà, anche per la prossima annata calcistica, i pali della formazione biancoazzurra che si appresta a disputare il Girone B. Intanto continua regolarmente, presso lo stadio comunale di Brolo stante l’indisponibilità del Ciccino Micale, sotto la guida di mister Mazzullo e del preparatore atletico prof. Gabriele Liuzzo, la preparazione della Nfc Orlandina in vista dell’attesissimo derby con i cugini del Rocca di Caprileone, in caloendario domenica alle 16 in trasferta.

Costa d’Orlando, imminente l’arrivo di Sardaro

CAPO D’ORLANDO – La Costa d’Orlando si sta mettendo alle spalle anche la seconda settimana di preparazione in vista della seconda avventura nella serie C Silver di pallacanestro. Agli ordini del sergente di ferro Giuseppe Condello, coach e manager, e del preparatore atletico Santino Neri, i giocatori biancorossi si dividono tra PalaValenti, piscina e strutture varie tra cui il comunale di Rocca di Caprileone, stante l’indisponibilità del Ciccino Micale di Capo d’Orlando che aveva bisogno di lavori di restyling. All’appello mancano ancora un paio di tasselli, con capitan Federico Antinori vicino alla riconferma ed il lungo Fall atteso martedi 1 per aggregarsi ai nuovi compagni di squadra. In più dal mercato dovrebbe arrivare l’annuncio sull’ingaggio di un altro esterno a completarne la batteria. La permanenza in città dell’ex Orlandina Marco Caprari, visto più volte parlare con il suo vecchio compagno di tante battaglie nel club biancoazzurro, ha fatto illudere qualcuno, tifosi in primis, sulla possibilità di un clamoroso ritorno di “Boom boom”, ma il micidiale cecchino marchigiano da un anno sembra aver appeso le scarpe al chiodo e non pare disposto a scenderle, a meno che non arrivi una proposta indecente che il presidente Mauro Giuffrè, peraltro, non ha nemmeno pensato di fare a quanto ci risulta. Invece dovrebbe essere imminente la fumata bianca per Davide Sardaro, un play-guardia-ala classe 1994 di 185 cm. Dotato di un buon tiro e di buone qualità offensive, è anche un ottimo difensore. Sardaro ha disputato l’ultima stagione a Sora in prestito gratuito dalla USD Stella Azzurra Roma-Nord dopo aver indossato le maglie della Cestistica Bernalda in Dnb, del Veroli in A2 e Minerva Roma in Dnc.

A Floresta questa sera trekking notturno e degustazione di suino nero

FLORESTA – A Floresta continuano le iniziative per promuovere il territorio e
incentivare le attività turistiche. La pro loco, in sinergia con
l’Amministrazione comunale, organizza per questa sera, dalle ore 21,30, la
manifestazione denominata “1° trekking notturno” che interesserà il
reticolo viario all’interno del paese, particolarmente suggestivo proprio
nelle ore notturne, fino a raggiungere quota 1.400 metri nella
lussereggiante pineta prossima al centro abitato.
Al rientro dalla distensiva e tonificante passeggiata è previsto nella
centralissima piazza Umberto, dove i partecipanti avranno modo di trascorrere una
indimenticabile nottata con gustose grigliate di salsiccia di suino nero ed
altre prelibatezza della tradizione culinaria locale.

Palermo, scoperta evasione fiscale nel settore degli aerotaxi

PALERMO – I finanzieri in servizio presso lo scalo aeroportuale di Punta Raisi hanno scoperto una
consistente evasione dell’imposta prevista per l’utilizzo degli aerotaxi.
Le norme vigenti infatti prevedono che i passeggeri che utilizzano aerei non di linea devono
pagare alla compagnia che gestisce l’aerotaxi una somma pari a 100 euro per viaggi fino a
1500 km e 200 euro per distanze superiori. L’importo deve poi essere versato allo Stato da
parte del vettore.
Le Fiamme Gialle di Punta Raisi hanno acquisito la documentazione relativa a ciascun volo
di questo tipo operato presso lo scalo aeroportuale “Falcone – Borsellino” e hanno verificato
l’avvenuto versamento del tributo da parte delle compagnie aeree interessate.
E’ stato così scoperto che 152 vettori non hanno effettuato i versamenti relativi a 540 degli
oltre 3000 voli operati sullo scalo.
Complessivamente, è stata segnalata all’Agenzia delle Entrate un’imposta evasa pari a
circa 300.000 euro.

Palermo, fermati 10 presunti scafisti responsabili della morte di 52 migranti

Sarebbero gli scafisti che erano alla guida di sei gommoni partiti dalla Libia

La Polizia di Stato e la Guardia di Finanza di Palermo, con il coordinamento
della locale Procura Distrettuale della Repubblica, hanno posto in stato di fermo di
indiziato di delitto dieci presunti “scafisti” per il reato di favoreggiamento
dell’immigrazione clandestina nonché per il delitto di omicidio volontario plurimo, a seguito
dello sbarco avvenuto presso il porto di Palermo lo scorso 27 agosto. In particolare,
BUGURA Mohammed, NASER Sami, AHMAD ISSA Okrema, ZIED Buchalla, CIEF
Hasani, ALIF Mohamed, BADE Cascus, EL SAMI Alradi, NORDER Nacer, MOURAD
Botaib (tutti di origini marocchine, siriane e libiche) sono stati riconosciuti quali
componenti dell’equipaggio del barcone salpato dalle coste libiche con a bordo oltre 450
migranti provenienti dall’area sub-sahariana e mediorientale.
L’intervento di soccorso è stato operato dalla nave KBV001 “Poseidon” della Marina
Svedese che era intervenuta lo scorso 26 agosto e che ha accolto i migranti e le 52 salme
a bordo. Il natante, impegnato nel Mar Mediterraneo nell’ambito del dispositivo “Triton
2015”, aveva a bordo un militare della Guardia di Finanza, in qualità di “liason officer
Frontex” con funzioni di collegamento. Le preliminari evidenze acquisite dall’equipaggio
del pattugliatore e dal citato “liason officer”, nonché le attività investigative svolte dagli
uomini della Squadra Mobile e del G.I.C.O. della Guardia di Finanza di Palermo, hanno
permesso di raccogliere significativi elementi indiziari nei confronti dei componenti
dell’equipaggio, individuandone anche i ruoli. In particolare, ne sono stati individuati 10
che si occupavano di governare i barconi, della distribuzione dell’acqua ai soli migranti in
coperta, della stessa disposizione dei migranti e, in considerazione dell’elevato numero dei
clandestini, del mantenimento dell’ “ordine a bordo”. Tale ultimo ruolo veniva esercitato
con violenza mediante calci, pugni, utilizzo di coltelli, bastoni e cinghie nei confronti
soprattutto di quei migranti che cercavano invano di risalire dalla angusta stiva in cui erano
ammassati e nella quale hanno trovato la morte per la mancanza di aria, acqua e le
esalazioni dei fumi del motore. Di fatto le modalità del trasporto nonché le condotte tenute
dall’equipaggio causavano così la morte di 52 migranti.
Le attività degli investigatori della Polizia di Stato e della Guardia di Finanza – condotte a
terra d’intesa con la Procura Distrettuale della Repubblica – hanno consentito di acquisire
gli elementi necessari all’adozione dei provvedimenti di fermo.
I dieci fermati sono stati associati presso la casa circondariale di Palermo “Pagliarelli” a
disposizione dell’A.G.